Orlando Furioso

L'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto à la Queneau (Cent Mille Miliards de Poèmes)

Tanto l'indugio suo quivi prolunga
sì l'odio e l'ira va in oblivione
di ch'avea fatto una pertica lunga
e con molti altri fu 'l duca prigione
né loco lascia ove non batta e punga
così fu differita la tenzone
fu de la bella angelica, e per lei
avea infiniti ed immortal trofei.

Un grave incendio, fu che gli la tolse
voi sentirete fra i più degni eroi
il savio imperator, ch'estinguer volse
ricordar quel ruggier, che fu di voi
pel bosco ferraù molto s'avvolse
l'alto valore e' chiari gesti suoi
e dice queste e molte altre parole
piacciavi, generosa erculea prole.

- Ferma, Baiardo mio, deh, ferma il piede!
e l'invisibil fa vedere amore
ch'esser dovea del vincitor mercede
trovane un altro, ed abbil con più onore
e quando bisognò le spalle diede
un tal rinaldo, e forse anco migliore:
non si vanno i leoni o i tori in salto
sì come i duo guerrieri al fiero assalto.

Continua...