Inferno

L'Inferno di Dante à la Queneau (Cent Mille Miliards de Poèmes)

Sanza coltura e d'abitanti nuda
pianger senti' fra 'l sonno i miei figliuoli
congiurato da quella eritòn cruda

Diss'io. «Deh, sanza scorta andianci soli
siede peschiera, bello e forte arnese
se tu se' sí accorto come suoli

E avanti che sien di là discese
ma quell'altro magnanimo a cui posta
«figliuol mio», disse 'l maestro cortese

Continua...